MGF / PROGETTI

EMPOWEREMENT / VIOLENZA DI GENERE / ANTIDISCRIMINAZIONE / FORMAZIONE

Di cosa ci occupiamo / Violenza di genere / MGF / Progetti

INTERNAZIONALI

Le risposte del terzo settore in Olanda.


Una tre giorni organizzata per conoscere in modo approfondito le risposte che il servizio pubblico ha elaborato, assieme al servizio sociale, sui temi dell’integrazione, del superamento delle marginalità, dell’accoglienza dei minori stranieri non accompagnati. 
Pensato per operatori sociali del pubblico e del privato. Temi trattati: funzionamento del Team di Quartiere nei comuni di media dimensione; la fabbrica dell’apprendimento: in città uno strumento di contrasto alla marginalità; violenza domestica e sui minori: risposte del territorio. Occupazioni: alternative possibili con patti integrati per la tutela del patrimonio privato e dell’esigenza abitativa. Diritto al reddito: misure, servizi, obblighi. Il modello di accoglienza dei minori di Nidos.

EXEX

Una campagna di raccolta fondi per il sostegno a distanza di progetti per la creazione di nuovo reddito rivolto al sostegno di 100 donne in Niger per contrastare la pratica delle mutilazioni genitali femminili. ExEx: Come ex mutilatrici, come Nadin. Per cambiare ci vuole coraggio, ma si può se c’è spazio per la sensibilizzazione, la formazione e il sostegno all’empowerment. Nosotras è stata in Niger, Mali, Guinea dove abbiamo raggiunto degli obiettivi importanti ma vogliamo fare di più. Come? Grazie al sostegno all’associazione locale Coniprat che è impegnata con attività sul campo a stretto contatto con la popolazione, battendo le zone dove ancora la pratica è diffusa villaggio per villaggio. La campagna vuole quindi sostenere quelle donne che hanno deciso di cambiare mestiere per seguire un percorso di ricerca di attività alternative, per dare nuovo reddito alle loro famiglie e alle loro comunità di appartenenza. Occorrono 30 euro al mese, 360 all’anno. Dove versare il contributo: Nosotras Campagna ExEx, via Faenza 103, 50123 Firenze. Banca Prossima, (Banca CR Firenze) Filiale di via Bufalini 6, 50122. Coordinate bancarie Abi 03359 CAB 01600 C/C 1000/77618. Inoltraci una mail a [email protected] con in oggetto “ExEx” e riceverai le informazioni sulla tua adozione di una ex-excisseuses.

LUCY 3.0

Il progetto si inserisce nell’ambito della linea di intervento D (“Progetti volti a migliorare le capacità di presa in carico delle donne migranti anche di seconda generazione incluse le donne rifugiate vittime di violenza e di pratiche nefaste”). Soggetti destinatari: Donne migranti, anche di seconda generazione, vittime di violenza e/o di pratiche nefaste Durata del progetto: fino a Maggio 2020 Obiettivi perseguiti: Adeguamento del modello toscano di presa in carico da parte degli specialisti di settore; Miglioramento del confronto Istituzioni-figure professionali riguardo a prevenzione di abusi inflitti -protezione didonne vittima di violenza; Aumento della possibilità di ricollocazione sociale e di acquisizione della libertà di queste vittime; Elaborazione/attuazione di progetti individuale di vita di queste vittime; Implementazione delll’empowerment: aumento consapevolezza della nocività e incongruità delle MGF per evitare la reiterazione delle pratiche nefaste in danno delle generazioni a venire Azioni progettuali Azione 1: Definizione del MODELLO LUCY 3.0 di presa in carico delle donne migranti vittime di violenza e di pratiche nefaste Azione 2:Applicazione del MODELLO LUCY 3.0:creazione degli SPAZI ROSA e percorsi ah hoc di autodeterminazione sociale Azione 3:Diffusione del MODELLO LUCY 3.0 sul territorio The Rubik’s Cube seems to be an impossible puzzle but it’s easy to solve it using algorithms.

PROGETTO S.E.T. U.P.

Share, Experiment and transfer service model to Uphold Persons from Third Countries (FAMI O. S. 2 “ Integrazione/Migrazione legale” – O. N. n.3 Capacity Building – lett. m) Scambio di Buone Pratiche). Toscana e Calabria presentano caratteristiche proprie ma fabbisogni comuni. In Toscana, negli ultimi 20 anni, la popolazione migrante è cresciuta numericamente e sono state sviluppate una serie di azioni e servizi che hanno dato vita al ‘modello toscano’. La Calabria è una delle regioni con il maggior numero di punti di accoglienza SPRAR e con CAS. Ormai da anni gli Enti Pubblici locali e territoriali si sono dovuti dotare di strumenti e modelli strutturati per far fronte al gran numero di persone provenienti in particolare da Africa e Medio Oriente. I MSNA sono spesso accolti in strutture residenziali molto costose ma con standard non sufficientemente innovativi. L’affidamento avviene spesso con tempi lunghi di nomina dei tutori, che spesso vengono nominati per un gran numero di minori e ciò determina ripercussioni negative sulla possibilità di instaurare una relazione di fiducia e un rapporto di tutela personalizzato. Nelle due realtà regionali in Italia, è emerso il bisogno di implementare adeguati approcci strategici per la tutela delle donne migranti, per favorire la loro autonomia e la loro realizzazione personale, familiare, sociale e lavorativa. Mancano inoltre misure di accoglienza per favorire l’affidamento degli MSNA in famiglia. Azioni: Le azioni proposte intendono contribuire a ottimizzare la conoscenza e lo scambio di buone pratiche e politiche europee, coinvolgendo: – Spagna, per le politiche di accesso ai servizi pubblici a favore dei migranti presenti sul territorio. Si fa particolare riferimento all’esperienza che hanno maturato in Andalusia negli anni scorsi con i flussi migratori provenienti dal Marocco; – Germania, perché ha una forte capacità di predisporre politiche di integrazione volte all’inserimento socio-economico di immigrati con regolare permesso di soggiorno; – Olanda, perché è uno dei paesi pilota in materia di affido, sia omoculturale che interculturale, part-time e di prossimità. Obiettivi: Contribuire ad ottimizzare la conoscenza e lo scambio di buone pratiche e politiche europee con la finalità di: 1. Realizzare, attraverso il confronto con Spagna e Germania, uno sportello europeo gratuito per le donne migranti in difficoltà. 2. Trasferire la prassi toscana di autonomia ed empowerment rivolta alle donne migranti, sia a livello nazionale (in Calabria) e sia a livello europeo (in Spagna). 3. Migliorare, grazie allo scambio e alla sperimentazione della pratica olandese dell’affido omoculturale,

Titolo

Xim eici beatem re, aut ut praturibus et, sinti to ea dolore, occullam aut et doluptaest lam eraeperest unde soluptiae vendem hil ipsus a commodic tem. Ibus, sit as et reptatis ex evelitatem estem quam, offictorest, nis molorrum volum fugiasp erchillab ilic totatet, sum faccus, si omnias dolupta volum eat andi berspel esequo doluptatiat pedisitis nihicti dessi nis doleces senimin cipitia si occae. Dus doloria vel etus adic temodi optatempero ex estinis torerib eatiumquis expliberis moloresecte pra is rentiis voluptat.